fbpx

Malloreddus alla Campidanese

PRESENTAZIONE

I malloreddus, chiamati anche gnocchetti sardi, sono un formato di pasta di grano duro, tradizionale della cucina sarda, utilizzata soprattutto durante le feste e nelle sagre paesane.

Tra le tante ricette a base di gnocchetti sardi, c’è anche quella che proviene dalla zona del Campidano, appunto quella dei malloreddus alla campidanese.
Si tratta di un piatto molto ricco, che prevede, per i malloreddus, un condimento a base di formaggio e salsiccia. Vi proponiamo una versione con il Gran Campidano ma, per un gusto più deciso, potrete usare un pecorino maturo come da tradizione.

I malloreddus alla campidanese sono un’ottima idea per portare in tavola un gustoso primo piatto in occasione di pranzi e cene in famiglia o quando si hanno ospiti. Ecco come fare per preparare uno dei primi piatti tra i più famosi e apprezzati della Sardegna.

Malloreddus alla Campidanese : PREPARAZIONE

STEP 1

Per realizzare un buon piatto di malloreddus alla campidanese dovete, per prima cosa, preparare il condimento per gli gnocchetti: sbucciate e tritate finemente la cipolla, quindi mettetela a rosolare in padella con 30 ml di olio extra vergine di oliva.

STEP 2

Nel frattempo, spellate la salsiccia e, quando la cipolla sarà appassita, unitela ad essa, sbriciolandola con le mani. Lasciate rosolare anche la salsiccia per circa 15 minuti a fuoco medio, mescolando di tanto in tanto affinché non si bruci.

STEP 3

Trascorso un quarto d’ora, versate in padella anche la salsa di pomodoro, insaporite il tutto con poco sale, coprite la pentola con un coperchio e lasciate cuocere a fuoco bassissimo il sugo per un’ora. Alla fine, insaporite con qualche fogliolina di basilico.

STEP 4

Quando il sugo sarà quasi pronto, mettete sul fuoco una pentola con abbondante acqua salata e, quando giungerà a ebollizione, versateci dentro i malloreddus.

STEP 5

Una volta pronti, scolate i malloreddus, versateli nella padella col sugo, mescolate bene per condirli e poi mantecate il tutto con un’abbondante spolverizzata di Gran Campidano. Adesso i vostri malloreddus alla campidanese sono pronti da portare in tavola.

VARIANTI

I malloreddus hanno una forma di conchiglia arrotolata di dimensioni di circa 2 cm e grazie alla presenza delle loro striature esterne e della cavità interna, raccolgono bene tutto il sugo di salsiccia, con cui solitamente vengono conditi.

La ricetta dei malloreddus alla campidanese li vede spesso conditi con passata di pomodoro arricchito con pezzetti di salsiccia sarda e con una spolverata di pecorino grattugiato sopra, che dona al piatto un gusto saporito e deciso.

Questo piatto, come molti altri piatti tipici sardi, presenta diverse varianti in base alla tipologia di salse con cui vengono accompagnati: ad esempio si possono cucinare i malloreddus al pecorino, detti anche malloreddus alla sassarese, se utilizzerete una salsa semplice, mentre, se volete osare di più in cucina, potrete cimentarvi nella ricetta dei malloreddus alla bottarga.

CONSIGLI

La ricetta tipica dei malloreddus alla campidanese prevede l’uso della cipolla ma, se preferite, potete sostituirla con l’aglio.

Infine, se preferite che la consistenza del sugo non sia troppo granulosa schiacciate bene la polpa della salsiccia con i rebbi di una forchetta mentre la fate soffriggere. Otterrete una consistenza simile al ragout.

CURIOSITÀ

Il termine malloreddu è un diminutivo di malloru, che significa toro in dialetto sardo – campidanese, città della Sardegna meridionale. Di conseguenza, malloreddu vuol dire vitellini.

La forma panciuta di questo tipo di pasta,infatti, ricordava proprio la forma dei piccoli vitellini nell’immaginario del mondo agropastorale.

gran_campidano_800gr

Gran Campidano

ARBOREA

ingredienti per 4 persone

Per la ricetta

  • Gnocchetti Sardi400 g
  • Salsiccia fresca (possibilmente aromatizzata al finocchietto)
  • Gran Campidano grattugiato100 g
  • Cipolla tritata50 g
  • Passata di pomodoro300 ml
  • Olio extra vergine di oliva30 ml
  • Qualche fogliolina di basilico
  • Saleq.b.