PECORA BOLLITA

PRESENTAZIONE

La vocazione pastorale della Sardegna si ritrova anche nei suoi piatti tipici, che in passato venivano realizzati con i prodotti ottenuti grazie al duro lavoro dei pastori. Uno di questi piatti è la pecora bollita, il cui nome originale è pecora in cappotto. Si tratta di un secondo a base di carne di pecora, appunto, che fa parte della tradizione gastronomica sarda.

Se amate i piatti della cucina regionale, dovete assolutamente provare questo saporito stufato di carne di pecora, ideale da portare in tavola anche quando si hanno ospiti. Ecco come potete realizzarlo:

Pecora bollita : PREPARAZIONE

STEP 1

Tagliate la carne di pecora in pezzi piuttosto grandi ( se preferite, potete farla tagliare dal vostro macellaio di fiducia), mettetela in una pentola sufficientemente capiente e copritela con acqua fredda. Portate la pentola sul fuoco e attendete che l’acqua giunga a ebollizione, poi schiumatela e unite alla carne di pecora il prezzemolo, il sedano, le carote, il peperoncino e il timo e insaporitela con un po’ di sale. Fate attenzione a non esagerare; nel caso, potete aggiungerne ancora in un secondo momento.

STEP 2

Dopo circa 1 ora di cottura, unite alla pecora in cappotto anche le cipolle sbucciate intere e, dopo altri 10 minuti, le patate, anch’esse intere e con la buccia. Lasciate cuocere il tutto per un’altra ora.

STEP 3

Quando le patate saranno cotte, pungete la carne di pecora con una forchetta per verificarne la cottura: se risulta morbida, vuol dire che è pronta. Per servire la pecora bollita, trasferite la carne, le patate e le cipolle in un contenitore di coccio dai bordi alti, così potrete unirvi anche il brodo di cottura.

CURIOSITÀ

La pecora bollita è un piatto della tradizione sarda legato alla pastorizia.

Questo tipo di cucina è legata anche alla moltitudine di allevatori di pecore presenti nel territorio, che propongono la cottura di questo animale servito con varie pietanze e contorni come verdure o odori come salvia e rosmarino.

È un tipo di cucina molto semplice che gli stessi pastori hanno consumato, da secoli, sempre seguendo il ciclo di vita degli ovini.

La maggioranza dei piatti legati a questa tradizione sarda si consumano all’aria aperta in comitive e sono, ad oggi, molto apprezzati dai turisti.

Infatti, i pastori della zona di Orgosolo, e in particolare del territorio della Barbagia, dopo la transumanza, propongono la pecora bollita e lo fanno ospitando i turisti nei loro ovili durante il pranzo. Sicuramente la loro ospitalità e la cucina ottima rendono il tutto più gustoso e indimenticabile.

Negli ultimi tempi, molti paesi sardi, stanno riscoprendo questo appetitoso secondo piatto pastorale. Infatti viene organizzata la “sagra della pecora” creando così un’occasione per valorizzare questa risorsa, molto spesso sottovalutata o limitata alla sola produzione di agnelli da latte. In queste sagre i turisti potranno gustare molteplici piatti a base di pecora, come la pecora bollita, zuppe o arrosticini.

È interessante sapere che la sagra più antica della pecora è quella di Ploaghe e viene organizzata dal 1980 a Ferragosto.

Ogni anno, a questa sagra, partecipano una grande quantità di turisti, che nel 2012, fecero registrare il record di 130 pentoloni in cui la pecora venne cotta e servita.

ingredienti per 4 persone

  • Carne di pecora2 kg
  • Cipolle bianche4
  • Patate4
  • Carote2
  • Sedano1 costa
  • Timo2 rametti
  • Prezzemolo1/2 ciuffo
  • Peperoncinoq.b.
  • Saleq.b.